Renzo GUBERT – Chi è?

Nato a Primiero l’11 agosto 1944, primo di dieci figli, padre primierotto (Turra di Pieve la nonna) e madre “fiamaza” (Delmarco di Castello il nonno e Paluselli di Panchià la nonna), famiglia di piccoli contadini in affitto, con il padre che, per necessità, lascia il lavoro agricolo a moglie e figli e fa il manovale stagionale nell’edilizia. Fa […]

Continua »

Renzo GUBERT – Chi è?

Renzo GUBERT – Chi è?

Nato a Primiero l’11 agosto 1944, primo di dieci figli, padre primierotto (Turra di Pieve la nonna) e madre “fiamaza” (Delmarco di Castello il nonno e Paluselli di Panchià la nonna), famiglia di piccoli contadini in affitto, con il padre che, per necessità, lascia il lavoro agricolo a moglie e figli e fa il manovale stagionale nell’edilizia.

Fa la quinta elementare e le medie nel Seminario diocesano, lavora da garzone nei settori artigianale e del commercio, poi, ospite di zii che abitano a Trento, nel 1965 si diploma ragioniere al Tambosi di Trento; nel 1969 si laurea sociologo con il prof. Franco Demarchi con il massimo dei voti e la lode.

Si sposa nel 1971 con Maria Silvia Zecchini, classe 1946, ultima di sette figli, laureata in Scienze Naturali con il massimo dei voti e la lode, professoressa alle superiori, e,  assieme hanno nove figli: in ordine di età Daniele, Chiara, Giacomo, Maddalena, Elisa, Giuseppe, Francesco, Martino, Ester; vive a Tonadico e a Trento;agricoltore part-time, con la collaborazione di moglie e figli, produce per  i consumi della famiglia; di fronte a TV poco responsabili verso i minori, ha preferito, in accordo con la moglie, fare a meno della televisione; le prime due figlie si sono sposate nel 2004 e Pietro, figlio di Chiara, è il primo nipote; il secondo figlio, Giacomo, sociologo, si è fatto Carmelitano e studia teologia.

Si perfeziona in Sociologia all’Università Cattolica di Milano e a New York e nel 1973 ottiene l’insegnamento di Sociologia alla Cattolica di Milano; nel 1974 ottiene anche l’insegnamento di Sociologia urbano-rurale a Trento e nel 1980 ne diventaprofessore ordinario; nel 1991 succede a Franco Demarchi nella cattedra di Sociologia II; per quasi dieci anni è Direttore di uno dei due Dipartimenti di ricerca sociale dell’Università di Trento.

Compie numerosi studi e ricerche di rilievo nazionale sui temi delle relazioni etniche, dei valori in Italia e in Europa, dei giovani, dello sviluppo nelle aree marginali di montagna, del rapporto tra valori e sviluppo nel Sud-est dell’Asia, in Cina, in Uganda, in Brasile e Argentina, del sentimento di appartenenza al territorio, dell’identità trentina, dell’autonomia, dell’emigrazione;

Per venti anni è responsabile per l’Italia dell’European Values Study; ha collaborato a lungo con la Federazione Provinciale delle Scuole Materne; pubblica numerosi articoli e volumi (l’ultimo nel 2006)  e dirige la rivista italo-tedesca “Annali di sociologia-Soziologisches Jahrbuch”; è stato Vicepresidente dell’Associazione Italiana di Sociologia e nel direttivo dell’International Institute of Sociology e dell’European Association for Rural Sociology; è stato vicepresidente del Comitato Scientifico dell’Accademia Europea di Bolzano; è membro del Comitato Scientifico dell’Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia; è Presidente del Centro Studi Martino Martini di Trento.

Si è sempre impegnato nel sociale; attivo nell’Azione Cattolica e nel movimento dell’Oasi negli anni ’60, è stato responsabile di istituto di Gioventù Studentesca e poi Presidente diocesano della FUCI-AUCT; tra i fondatori, a Trento, del Movimento per la Vita e del Movimento Popolare; è stato per molti anni Presidente dell’Associazione Trentina della Famiglia e del Sindacato delle Famiglie; ha collaborato alla Scuola di Preparazione Sociale; è stato Vicepresidente dell’Opera Universitaria; è membro del Comitato di Difesa dell’Autonomia.

Dopo l’apprendistato compiuto a Sociologia nel difendere la democrazia e il diritto allo studio, contrastando ideologia e pratiche del Movimento Studentesco degli anni 1967-69, a iniziare dalla metà degli anni ’70 si è impegnato nella politica e nell’amministrazione locale; è stato consigliere comunale a Tonadico e a Fiera di Primiero, capogruppo DC al Comprensorio di Primiero e poi Assessore comprensoriale all’Urbanistica; membro del Comitato Regionale e Provinciale della DC, nel 1992 è eletto Segretario provinciale della DC, trasformandola poi nel Partito Popolare del Trentino e, nel 1995, nel CDU Trentino; nel 1998 porta il CDU Trentino a fondare, con altri, Il Centro-Unione Popolare Democratica (poi denominato Centro Popolare), diventandone il primo segretario; diventa responsabile provinciale e regionale dell’UDR; è stato responsabile nazionale del CDU sui temi della famiglia, della scuola e delle politiche sociali; è ora Presidente del Centro Popolare; nel 1994 è elettodeputato con il PPI; nel 1996 e nel 2001 è eletto senatore nel Collegio della Valsugana, Fiemme e Fassa per il Polo delle libertà. Al Senato fa parte del gruppoUDC e a Strasburgo, nel Consiglio d’Europa, del gruppo PPE-DC.

Ha lavorato da deputato nella Commissione Agricoltura e da senatore, nella XIII legislatura, nella Commissione Bilancio e nella Commissione Difesa, con il ruolo di Vicepresidente. Nelle due ultime legislature è stato membro della Commissionebicamerale per le questioni regionali e, nella XIII, della Commissione bicamerale per la riforma amministrativa. Nell’ultima legislatura  è stato membro della Commissione Difesa e Vice-presidente della Commissione speciale per l’infanziae i minori; ha rappresentato il Senato al Consiglio generale degli italiani all’estero; membro delle delegazioni parlamentari della UEO e del Consiglio d’Europa, è stato Vice-presidente e per due anni Presidente della Commissione Ambiente, Agricoltura e Questioni Territoriali  di quest’ultimo. Dal 1994 è presidente dell’Associazione Parlamentare “Amici della Cina” e come tale ha guidato dodici missioni parlamentari in Cina. È membro del gruppo parlamentare “Amici della montagna” e del direttivo del gruppo parlamentare “Cultori dell’etica”.

Top