Renzo GUBERT – Chi è?

Nato a Primiero l’11 agosto 1944, primo di dieci figli, padre primierotto (Turra di Pieve la nonna) e madre “fiamaza” (Delmarco di Castello il nonno e Paluselli di Panchià la nonna), famiglia di piccoli contadini in affitto, con il padre che, per necessità, lascia il lavoro agricolo a moglie e figli e fa il manovale stagionale nell’edilizia.

Continua »

La figura di Mauro Rostagno: risposta a Bruno Ballardini

di il 31 Dicembre 2019 in Persone, università con Nessun commento

Sul Trentino del 19 marzo è pubblicata una lettera di Bruno Ballardini, che, da non credente, ricordando quanto sentito frequentando la dottrina cristiana dei pomeriggi della domenica (quando non c’erano, per i più, mezzi di trasporto a motore per spostarsi e TV da vedere), ossia la comprensione per la fragilità umana e per la possibilità del riscatto come esemplificato dalla parabola del figliol prodigo, mi rimprovera di incoerenza per il mio giudizio negativo su Rostagno.

Ringrazio Bruno Ballardini per le parole gentili e per il tentativo di “correzione fraterna” nei miei confronti, altra pratica che si insegnava nei corsi di “dottrina”. Volevo rassicurarlo che non vi è nulla di personale nel mio giudizio su Rostagno, che, anzi in un paio di occasioni , in quanto ero da lui visto come “vero proletario” ( e non sbagliava), mi ha tutelato da reazioni aggressive di suoi seguaci. Si tratta solo di non lasciare passare, senza reazioni, il tentativo di suoi seguaci di “santificazione” di Rostagno, almeno per quanto riguarda il periodo trentino. Si può anche divergere su cosa sia la “santità”, specie se essa è vista da persone con visioni dell’uomo e del mondo molto diverse. Ciò che non mi sembra ammissibile è costruire il “mito del santo” sulla base di affermazioni non corrispondenti in alcun modo alla realtà, contraddette anche da esplicite affermazione del “santo” per continuare a far pressioni su pubbliche autorità e sui cittadini per donazioni per far erigere un monumento. Lo possono fare i seguaci, ma mi sembrava troppo che lo facesse anche il giornale che lei da pochissimo dirige.

Ballardini ricorda male un episodio che è di memoria comune tra gli studenti degli anni del Rostagno studente a Trento. Rostagno non indisse un’assemblea per evitare un esame di matematica, ma, essendo di sera senza più luce naturale, fece far saltare l’illuminazione dell’intero palazzo di via Verdi per poter senza più controlli passare gli esercizi dell’esame di matematica a chi poteva poi riconsegnarli a lui e agli amici suoi (che di matematica non ne sapevano tanto) già svolti. E andò proprio così. L’autorità accademica non ebbe il coraggio di far annullare la prova scritta di matematica (allora obbligatoria) e così Rostagno con i suoi amici superarono l’ostacolo. Certo poca cosa per coloro che dicevano inutile studiare dato che con l’autunno del 1969, con la saldatura tra rivoluzione studentesca e rivoluzione operaia, sarebbe arrivato in Italia un regime rivoluzionario dove a governare non sarebbero più stati i “competenti” in scienze borghesi e reazionarie, ma i rivoluzionari. Poca cosa rispetto a ciò che avrebbe colpito l’Italia col terrorismo, che traeva ispirazione dalle idee rivoluzionarie delle quali Rostagno di faceva portatore e da reazioni violente di matrice opposta. Poca cosa, ripeto, ma che qualcosa dice sulla “santità” a Trento. Basta la conversione della lotta alla mafia, pagata, come certo o assai probabile, con la vita, perché Trento debba vantare il Rostagno “trentino”? Una targa all’Università lo ricorda in modo equilibrato. Tanto non è stato concesso ai fondatori della sociologia a Trento, rei di non essere stati “rivoluzionari”. Si è fatta eccezione per Kessler e per Andreatta, nessuno sociologo, ma ricordati per il ruolo politico. Dobbiamo pagare un altri tributo al “mito del 68” cui la sinistra, compresa quella del Comune di Trento, continua a sentirsi legata?

scritto 19 marzo 2019

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi